Le più famose carte prepagate: da PostePay a Paypal

0
1581

Le carte prepagate sono una buona soluzione per chi non ha un conto corrente ma ha bisogno un mezzo di pagamento da portare con sé come sostituzione dei contanti.

Le carte prepagate permettono di gestire i risparmi in modo flessibile senza rischi di andare in rosso, questo perché si possono fare acquisti sono sfruttando la liquidità disponibile senza eccedere come potrebbe accadere se si usa una carta di debito o di credito.

Con una carta prepagata infatti non è possibile fare acquisti che eccedano i fondi a disposizione, al termine dei quali qualsiasi tipo di transazione sarà rifiutata dalla banca che ha emesso lo strumento. Allo stesso tempo ci evita di avere nel portafogli dei contanti, che potrebbero essere rubati o persi.

postepay
Estrapolato da casasuper e citata la fonte

Negli ultimi anni poi alcuni istituti di credito hanno proposto anche altre alternative come le carte conto, si tratta di carte prepagate munite di IBAN che offrono ai clienti servizi simili a quelli di un conto corrente tradizionale, compresa la possibilità di accreditare pensione e stipendio.

Le carte conto permettono di risparmiare perché si hanno costi più bassi, quasi nulli rispetto al conto corrente, pur mantenendo buona parte delle funzionalità di un conto.

Carte prepagate con o senza IBAN: PostePay

Quando si pensa a una carta prepagate la prima che ci viene in mente è la famosa Postepay del gruppo Poste Italiane, si tratta di una soluzione base per chi ha bisogno di fare pagamenti immediati. Il plafond massimo è di 3.000 euro e la quota per il rilascio della carta è di 5 euro.

Con la carta PostePay è possibile fare acquisti online sugli shop che hanno esposto il logo Visa; per ottenerla basta recarsi presso un ufficio postale con carta d’identità e codice fiscale, il costo complessivo è di 10 euro, 5 euro di costo per il rilascio e 5 di ricarica minima.
Alcune operazioni effettuabili con la carta sono gratuite, ad esempio il prelievo presso gli sportelli postamat o i pagamenti presso i POS; altre invece sono a pagamento, cosa che a lungo andare può rendere decisamente costoso questo metodo di pagamento.
Ad esempio ogni prelievo da ATM non postamat costa 1 euro, così come i bonifici in Italia.

PostePay Evolution

Da qualche anno Poste Italiane ha introdotto anche la carta PostePay Evolution, una carta prepagata ricaricabile con IBAN che ha tutte le funzionalità della Postepay classica ma con la possibilità di inviare e ricevere bonifici. Il costo da saldare per il rilascio è di 5 euro per la carta e 10 euro di ricarica minima per l’attivazione.

Su PostePay Evolution è possibile far accreditare lo stipendio comunicando l’IBAN; ricevere bonifici; disporre bonifici da un ufficio postale; effettuare acquisti in oltre 30 milioni di negozi con logo MasterCard.

Inoltre è possibile anche utilizzare questa prepagata per pagare in tutti gli uffici postali, sui siti, bollettini, F24, ricariche telefoniche e i vari servizi abilitati; farsi domiciliare le utenze di luce, acqua e gas; pagare i pedaggi autostradali; prelevare in contati da tutti gli sportelli automatici ATM Postamat e uffici postali; prelevare contanti da tutti gli sportelli bancari con logo MasterCard.

Il canone annuo di PostePay Evolution è di 12 euro, da calcolare per il mese solare. Ne esistono anche delle versioni business, ad esempio PostePay Evolution Business, con plafond di 200.000 euro e alcune operazioni a costo zero, con canone annuo di 30 euro. Oppure PostePay Connect, al costo di 70 euro annui si ottiene la carta e una SIM ad essa collegata. I 70 euro si intendono per il pagamento del canone annuale della carta e del piano tariffario per l’utilizzo della SIM.
Volendo si può suddividere il costo saldando su base mensile o semestrale.

La Carta PayPal

Un’altra carta prepagata famosa è quella rilasciata da PayPal, si può acquistare presso le ricevitorie LIS CARD di Lottomatica, ricaricarla e utilizzarla immediatamente; è un prodotto versatile, si può usare per fare shopping online e nei negozi con logo MasterCard. Anche la carta PayPal è una carta con IBAN per aumentare limiti e disponibilità.

Si tratta di un prodotto sicuro, che permette di controllare il saldo e i movimenti, fare transazioni in rete in sicurezza, anche collegandola a un conto Paypal.
Inoltre è molto semplice da utilizzare e da ricaricare, prevedendo costi minimi. Non esiste infatti un canone annuo, visto che la carta si acquista per 10 euro e poi si utilizza come si crede per quanto si desidera.
Per molte operazioni è però previsto un piccolo costo.

Dal 9 maggio 2019 la carta PayPal non è più sottoscrivibile. Chi ne avesse acquistata una prima di questa data ha la possibilità di attivarla entro 6 mesi.
Fermo restando che il servizio rimane attivo per chi già possiede questo tipo di carta.