Codici f24, il Modello f24 e i Codici Tributo

0
671

Cosa significa codici f24? questo è un modello che può essere impiegato per differenti pagamenti.

Codici e Modulistica

Questo è un modello che si presenta come uno schema aperto, un modulo o modello da compilare dall’utente-contribuente che deve conoscere i codici tributo e fornire i dati della persona che è intestataria della tassa specifica o del pagamento che deve effettuare.
Il pagatore è colui che inserisce il codice del tributo come detto, ciò comporta un vantaggio, quello per cui nei casi in cui si aggiungano nuovi tributi non è necessario cambiare il modello, infatti l’f24 copre una vasta gamma di Codici Tributo, come precedentemente sottolineato.

Le Sezioni del Modello

Ecco le differenti sezioni di questo Modello:

  • Erario
  • INPS
  • ICI-IMU
  • Regioni
  • Altri

La Sezione Erario è quella destinata allo Stato. I codici delle imposte sono di quattro cifre per portare un esempio il Codice Tributo 1040 riguarda il pagamento delle ritenute d’acconto dei lavoratori autonomi.

La Sezione INPS ovviamente è dedicata a questo Ente. Riguarda tutti quei contributi dovuti all’istituto per lavoratori dipendenti, lavoratori a progetto, coloro che sono ad essi associati in partecipazione e altre categorie di lavoro.

La Sezione Regioni. Questa riguarda i codici tributo che hanno una competenza di tipo regionale come ad esempio l’Irap o l’Addizionale Regionale Irpef.

La Sezione ICI/IMU e altri tributi su base locale. Qui vanno inseriti i codici f24 di competenza comunale, un esempio di questi sono l’addizionale comunale all’Irpef e l’ICI.

Sezione altri enti previdenziali ed assicurativi. Questa area viene riservata ai pagamenti che si effettuano verso l’Ente Inail.

Il Versamento tramite Modello f24

I versamenti che impiegano il Modello f24 e gli appositi Codici Tributo relativi alle singole voci di spesa e/o pagamento, possono essere effettuati presso gli sportelli di qualunque concessionario, banca convenzionata e agli uffici postali, utilizzando i metodi che seguono:

  • Contanti
  • Con carta PagoBancomat, (ove vi siano gli sportelli abilitati)
  • Con carta Postamat
  • Con addebito su conto corrente postale
  • Attraverso un assegno bancario o postale nella formula: “a me medesimo”
  • Attraverso un assegno circolare
  • Con vaglia postale emesso all’ordine dello stesso contribuente e girato per l’incasso alla banca/Posta

L’assegno o il vaglia dovranno avere un importo pari al SALDO (M – N) del Modello f24.
Va poi specificato che se l’assegno è delle Poste Italiane Spa, e impiegato per pagare tramite Posta tale operazione deve essere effettuata all’ufficio postale dove il C/c è radicato.

F24 in 3 copie

Il Modello f24 ha tre fogli sovrapposti. Successivamente alla sua compilazione e al pagamento una copia viene timbrata (da Computer stampando i dati a Fini Fiscali o a mano se il Computer non ha stampato i dati necessari) e restituita a colui che ha effettuato il pagamento, le altre due copie vengono trattenute dallo sportello.

Questo Modello è scaricabile online, direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate e lo si può compilare a casa per poi portarlo alle Poste o in Banca per pagare le somme dovute e rientranti nelle differenti Sezioni sopra esposte.

Occorre anche ricordare che differenti banche forniscono la possibilità di compilare e pagare l’f24 via internet, attraverso i servizi di:

  • home banking
  • internet corporate banking

Il primo è rivolto a soggetti privati, mentre il secondo si rivolge alle PMI (Piccole e Medie Imprese).

I diversi tipi di Modelli f24

  • F24 Ordinario (quello dell’immagine)
  • F24 Accise
  • F24 EP
  • F24 Elementi identificativi
  • F24 Semplificato