Codice tributo 2002

0
1154

Il Codice Tributo 2002 è quello dell’IRES, dell’acconto IRES relativo alla seconda rata. Come comprendere meglio questo tributo.

Acconto Seconda Rata IRES: Codice Tributo 2002

L’articolo di legge a cui fare riferimento è il N°72 che prevede il pagamento dell’IRES in unica rata o in due rate (Acconto e Saldo) e il DPR è il 917 del 1986 così come modificato dal Disegno di Legge 344 del 2003 Risoluzione N°76 del 27 maggio 2004.

Modello F24 e Codice Tributo 2002

La sezione alla quale fare riferimento nella compilazione del Modello F24 è quella relativa all’Erario, va compilata quella sezione e lì va aggiunto in codice 2002 IRES.

Questa imposta che può appunto essere pagata attraverso il modello F24, e con il codice tributo 2002 riguarda l’IRES.

I cittadini italiani hanno a disposizione molti codici che identificano inequivocabilmente e in maniera precisa diversi elementi identificativi, in sostanza le differenti stringhe numeriche specificano sia l’imposta sia la tassa che si va pagando.

Occorre anche evidenziare il periodo di riferimento della tassazione riportante il n° 2002 e quindi del tributo medesimo.

Su questa sezione va anche segnalata la causale del pagamento. Entrando nello specifico quando sul Modello F24 si vanno a scrivere le cifre: 2002, si segnala esplicitamente la detrazione dalla seconda rata di novembre dell’importo pagato a giugno a titolo di prima rata dell’acconto e di conseguenza, l’eventuale credito IRES, da richiedere a rimborso oppure a compensazioni qualora risultasse a debito.

Tale codice tributo si intuisce che deve essere inserito nella sezione destinata all’erario esclusivamente per il pagamento della seconda rata IRES, va versato nel mese di novembre o magari al fine di effettuare le dovute compensazioni tra debiti e crediti nei confronti del prelievo fiscale.

Chi non può o non riesce a rispettare la data prevista per il pagamento della seconda rata IRES (vale anche per la prima rata tale ragionamento) vanno incontro all’applicazione di una sanzione, ma possono comunque avvalersi della misura del ravvedimento operoso che tende a ridurre la sanzione, in tale circostanza occorre mobilitarsi prima che venga avviata una verifica fiscale.

Tale ravvedimento lo si può effettuare entro 14 giorni dalla scadenza della rata in oggetto e quindi del tributo medesimo, qualora il soggetto debitore, successivamente alla scadenza, non rispettata provveda al pagamento allora il contribuente vedrà una riduzione della la sanzione pari allo 0,2% per ogni giorno di ritardo, relativamente all’imposta da versare, a cui si applica l’interesse legale maturato.

IRES e Codice Tributo 2002

IRES è una parola acronimo che si riferisce all’imposta sui redditi delle società (PMI: Piccole e Medie Imprese) per le persone fisiche invece si deve parlare di IRPEF e questa ultima tassazione la pagano a differenza delle società, i privati cittadini.

Sulla base delle normative fiscali che sono l’impianto di gestione dedicato al contribuente, e che producono tale tipologia di reddito, il contribuente (anche debitore) ha l’obbligo ogni anno di versare allo stato tale tributo.

Di conseguenza per il versamento del primo e del secondo acconto IRES, il contribuente che può essere sia persona giuridica che persona fisica delegata dall’azienda, deve impiegare i corrispondenti codici tributi: