Prestiti veloci: tempi di erogazione e come richiederli

Ottenere un prestito veloce è il sogno di tantissimi italiani che necessitano di entrare in possesso di una somma di denaro in maniera tempestiva, potendo in tal modo sostenere spese improrogabili, impreviste o pianificate. Si tratta dunque di un’esigenza molto comune, che le banche e le società finanziarie permettono di poter esaudire attraverso la predisposizione di finanziamenti a pacchetto particolarmente convenienti, e dotati di un iter istruttorio abbastanza conveniente e snello. Ma quali sono le caratteristiche del prestito veloce? Quali sono le tempistiche di erogazione? E perchè potrebbe essere utile procedere alla sottoscrizione di un prestito veloce anzichè uno ordinario?

Prestito veloce: tempo di erogazione

In prima battuta, ci venga concesso il permesso di soffermarci sulla principale caratteristica dei prestiti veloci: la tempestività nell’erogazione. Come suggerisce lo stesso nome di questo gruppo di prodotti, infatti, il prestito veloce è un finanziamento dotato di un iter istruttorio piuttosto rapido che permette alla banca o alla finanziaria di arrivare al momento dell’erogazione in tempi molto rapidi. Ma quanto rapidi?

Per quanto attiene la rapidità dei termini di erogazione, molto dipende dalle caratteristiche del singolo istituto di credito. Nella maggior parte dei casi il prestito veloce può essere erogato appena entro le 48 ore dall’approvazione della richiesta. In altre ipotesi, i tempi sono ancora più ristretti. Come sopra anticipato, molto dipenderà dalle caratteristiche di valutazione del merito creditizio della banca. Cerchiamo dunque di saperne un po’ di più.

prestiti veloci che cresconoPer quanto invece concerne le caratteristiche economiche del prestito veloce, di norma non vi sono particolari divergenze con un finanziamento “ordinario”. Spesso si può trovare un sovrapprezzo in termini di tassi e di commissioni, ma in linea di massima le differenze in termini di caratteristiche di onerosità saranno piuttosto limitate, rendendo pertanto il prestito veloce un finanziamento assimilabile agli altri non così immediati.

Prestito veloce, ma non troppo: la valutazione di merito creditizio

Il prestito veloce viene erogato in tempi rapidi, ma pur sempre a margine di una valutazione del merito creditizio da parte dell’istituto di credito. Questo vuol dire che, in altri termini e a patto che – come tra poco diremo – non sia stata effettuata una valutazione preventiva, il prestito veloce verrà erogato solamente dopo che l’istruttoria di merito creditizio avrà fornito gli esiti sperati.

Quanto sopra non deve però scoraggiare i richiedenti un finanziamento rapido. Il prestito veloce può infatti essere oggetto di un iter istruttorio molto rapido: una volta sottoscritta la domanda di finanziamento, la banca procederà infatti alla consultazione dei dati del richiedente presso una delle principali banche dati della Centrale rischi, ed effettuerà le valutazioni di sintesi integrando le proprie considerazioni di base con eventuali ulteriori elementi di sinergia.

Leggi anche: Prestito chirografario: quali sono, quanto ottenere e tasso di interesse

Prestiti veloci, istruttoria preventiva

A questo punto, val la pena compiere un cenno verso i prestiti veloci che vengono erogati sulla base dell’approvazione preventiva di un plafond. Molte banche, al fine di soddisfare le esigenze di quel cliente che sa di poter avere la necessità di una somma di denaro nel prossimo futuro, senza tuttavia conoscere con esattezza le tempistiche, permettono all’utente di procedere alla predisposizione di un plafond preautorizzato, all’interno del quale attivare uno o più prestiti veloci.

Una volta giunti a delibera positiva, l’utente avrà un certo arco di tempo predeterminato (di norma, 6 mesi o 1 anno) per poter attivare eventuali finanziamenti veloci da restituire all’interno di piani di ammortamento predefiniti. Il meccanismo è simile a quello che si potrebbe avere con un fido di cassa. La differenza è che la restituzione avverrà attraverso un piano di restituzione e di rientro formalizzato, con minore libertà in capo al cliente.

Prestito veloce, come richiederlo

Il prestito veloce è richiedibile in maniera non dissimile a quanto avviene con gli ordinari prestiti personali. Dunque, l’utente interessato potrà effettuare la richiesta recandosi presso l’istituto di credito di riferimento, e compilando la domanda relativa. A tale domanda dovrà allegare copia della documentazione personale in corso di validità, e quella comprovante il reddito.

È tuttavia possibile che l’istituto di credito domandi al cliente ulteriore documentazione: si pensi alla possibilità di coinvolgere un garante all’interno dell’operazione, e alla necessità di acquisire – pertanto – la documentazione di identità e reddituale del fideiussore.

Per saperne di più

Per poterne sapere di più sui prestiti veloci, non vi rimane altro che domandare dirette informazioni al vostro istituto di credito o a quelli concorrenti. Nell’ipotesi in cui sappiate già che avrete necessità di un finanziamento rapido, il nostro consiglio non può che essere quello di domandare ulteriori precisazioni anzitempo. Il rischio è infatti che i tempi – pur rapidi – di erogazione di un prestito veloce, non siano compatibili con le vostre necessità. Val dunque la pena agire anticipatamente, e concordare con la propria banca le modalità e le tempistiche disponibili.