Prestiti personali Poste Italiane: quali sono, come ottenerli e come restituirli

Il Prestito BancoPosta rientra tra i prestiti personali di Poste Italiane riservato ai clienti di Poste Italiane, nel senso che occorre essere titolare di un Conto BancoPosta per ottenerlo. Il limite massimo della somma finanziabile è di trentamila euro che, in caso di accettazione della pratica, viene erogata con un accredito diretto sul conto BancoPosta del richiedente. Nel caso di prestiti che riguardano l’acquisto o la ristrutturazione della casa la somma massima richiedibile sale fino a 60.000 euro.

Il Prestito BancoPosta: cos’è

Il Prestito BancoPosta può essere annoverato tra i contratti di credito al consumo che viene concesso sotto forma di prestito personale. Vi può accedere solamente il cliente di Poste Italiane ed esclusivamente come persona fisica.
Quindi non in qualità di amministratore o legale rappresentante di società o per finanziare qualsiasi altra forma di attività, sia essa professionale o imprenditoriale.

Rientra tra i prestiti personali Poste Italiane veloci e la cui erogazione avviene da parte di Deutsche Bank S.p.A, ovviamente dopo aver valutato la solvibilità ed il merito creditizio del richiedente. L’ erogazione è effettuata direttamente sul conto BancoPosta del richiedente il prestito. Esistono prestiti offerti da Poste italiane anche ad altri clienti; in questi casi l’importo può essere erogato anche in contanti allo sportello; solo però fino a un massimo di 10.000 euro.

prestiti BancoPosta

Il Prestito BancoPosta: la durata

La durata del prestito BancoPosta varia da un minimo di un anno (dodici mesi) ad un massimo di sette anni (ottantaquattro mesi). La richiesta per ottenere il prestito BancoPosta può essere effettuata di persona, direttamente presso un ufficio postale, oppure, in caso si sia già cliente Banco Posta, cioè titolare di un Conto BancoPosta, anche via Internet, sul sito delle Poste Italiane poste.it. In questo caso, nel caso, cioè, della richiesta online, il limite della somma erogata viene fissato a ventimila euro. Solitamente, in caso la richiesta venga accettata, l’ erogazione viene effettuata entro il quinto giorno lavorativo dalla data di richiesta. Il richiedente può anche recedere dal contratto, con il limite di quattordici giorni a partire da quello successivo ala data di accettazione della richiesta.

Il Prestito BancoPosta: le condizioni

Il tasso di interesse viene influenzato dal fatto che il richiedente abbia accettato o meno l’accredito diretto dei propri emolumenti (stipendio o pensione) sul conto BancoPosta.

Inoltre le offerte sono soggette a una serie di situazioni contingenti. Per conoscere le condizioni è quindi importante consultare direttamente il sito di Poste Italiane, in modo da ottenere informazioni aggiornate.
Si deve anche considerare che la finalizzazione del prestito, così come l’età del contraente, sono elementi che vanno a modificare in modo sostanziale la proposta commerciale di Poste Italiane.

Assicurazione e spese

Non saranno addebitate al richiedente spese per l’ istruttoria, commissioni per l’ incasso di ogni rata e neanche per l’ inoltro postale di eventuali comunicazioni. Eventuali spese di tipo accessorio e facoltativo potrebbero riguardare un’ assicurazione a protezione dell’ eventuale insolvibilità del richiedete qualora perda il proprio lavoro, oppure diventi inabile temporaneamente all’attività lavorativa, vada incontro a disabilità o a decesso. Tali spese sono:

  • Nel caso il prestito venga restituito in massimo 60 rate: 3,25% della somma erogata
  • Per un numero di rate superiore: 4,80% dell’importo erogato

Chi lo può richiedere

Tra i prestiti personali Poste Italiane, il prestito BancoPosta può essere richiesto da tutti i lavoratori dipendenti, da un lavoratore atipico, da un commerciante o da un libero professionista. Ripetiamo: la concessione del prestito è subordinata alla titolarietà di un conto corrente BancoPosta, sul quale il richiedente può far accreditare direttamente il proprio stipendio o la propria pensione. Dovrà presentare, all’atto della richiesta, un documento di identità in corso di validità, il proprio codice fiscale e tutta la documentazione attestante i redditi. Un cittadino straniero dovrà aggiungere a questa documentazione il proprio passaporto ed il permesso di soggiorno in corso di validità.

Come è erogato

Il prestito BancoPosta ha come unico metodo di erogazione un accredito diretto sul conto BancoPosta di cui sia titolare il richiedente.

Come avvengono i rimborsi

Il prestito è rimborsato esclusivamente tramite l’addebito diretto delle rate sul conto BancoPosta intestato al richiedente.

Se si estingue anticipatamente?

In caso il richiedente abbia intenzione di estinguere anticipatamente, totalmente o parzialmente, sarà obbligato ad indennizzare Poste Italiane di una somma pari all’ uno percento dell’ importo che si rimborsi anticipatamente, ove mai mancassero più di dodici rate alla fine del rimborso, pari, invece, allo 0,5 percento dell’ importo oggetto del rimborso anticipato nel caso manchino dodici rate o meno alla fine del rimborso. Occorre però sottolineare che la commissione appena citata non è richiesta nel caso in cui:

L’ importo oggetto del rimborso anticipato costituisca la somma da restituire per rimborsare completamente tutto il finanziamento;
La commissione costituisca una somma superiore a quella costituita dagli interessi dovuti per il residuo del finanziamento che viene rimborsato anticipatamente;
Contestualmente al rimborso anticipato venga anche richiesto un altro finanziamento BancoPosta.

Il Prestito BancoPosta Online

I titolari di un conto BancoPosta gestibile online possono richiedere tale finanziamento per importi compresi tra i millecinquecento ed i trentamila euro.

Anche in questo caso l’ importo è restituibile in un numero di rate compreso tra dodici e centootto, con un tasso che resta fisso dall’inizio alla fine del rimborso. Vediamo ora alcune caratteristiche di questa tipologia di prestito:

Niente spese per istruire la pratica;
Non vi è alcuna spesa per imposte di bollo;
Non ci sono spese per l’ incasso delle rate e la loro gestione;
Si può operare TOTALMENTE online e la firma della documentazione avviene per il tramite della firma digitale.

Come attivarlo

Sarà sufficiente:

Collegarsi con il sito di Poste Italiane poste.it e trovare la pagina dei servizi online (myposte.poste.it);
Compilare il form nei suoi vari campi e poi cliccare sul bottone “Calocla”;
Effettuare la compilazione della domanda;
Effettuare una stampa della documentazione che saranno stati inviati per il tramite di email;
Apporre la propria firma sui documenti e poi spedirli a Poste Italiane.

Gli altri prestiti offerti da BancoPosta

I prestiti offerti da Poste Italiane sono svariati, uno per ogni esigenza di un’ampia clientela. Per scegliere l’offerta più adatta è importante valutare le proposte del momento, ma anche le specifiche esigenze del singolo cliente.
Ad esempio Prestito BancoPosta Consolidamento è un finanziamento pensato per chi possiede già un mutuo e vari prestiti. Lo stipula chi desidera unificare le varie rate in un unico prestito.
Prestito BancoPosta Flessibile, fino a 30.000 euro, consente di saltare una rata ogni anno e di poter attivare un libretto di risparmio nominativo ordinario.
Anche per questo tipo di prestiti le offerte, per quanto riguarda gli interessi, variano periodicamente.

Contattare Poste Italiane

Tutti questi finanziamenti / prestiti sono dettagliatamente descritti nelle apposite pagine del portale di Poste Italiane, all’ indirizzo poste.it e, per i prestiti che lo consentono, è possibile anche direttamente sul sito poste.it configurare il prestito ed effettuarne la richiesta. Esiste poi un numero verde che mette in contatto con il Call Center di BancoPosta, ed è: 800003322.