Prestiti per studenti universitari: requisiti, tipologie e banche a cui chiederlo

0
787

Molti studenti universitari spesso incontrano numerose difficoltà lungo il loro percorso di studi. Quella più onerosa è senza dubbio di tipo economico. Come sostenere il peso delle tasse di iscrizione? Inoltre questa non risulta essere l’unica spesa che devono affrontare. Si pensi infatti anche a quella relativo ai libri di testo, nonché ad eventuali spese domiciliari se decidono di trasferirsi dalla propria città di origine e di prendere una casa in affitto. Per tenere fronte a tali problemi, è prevista per ogni studente la possibilità di ottenere un prestito finanziario erogato dalle banche, da società finanziarie o persino dalle poste.

Nonostante alcuni studenti tentino di svolgere un’attività lavorativa nello stesso periodo di svolgimento del corso di laurea, tuttavia questo non sempre aiuta a coprire le spese. Per questo motivo, molti decidono di chiedere un prestito. Quest’ultimo, sia se viene emesso da una banca sia da altri enti, è sempre pensato al fine di agevolare lo studente ed è spesso erogato gradualmente, in parti non troppo elevate, in modo che i futuri interessi non risultino troppo eccessivi. Si tratta quindi di un prestito che spesso è realizzato a “misura di studente”.

Perché il prestito allo studente universitario

Lo studente universitario spesso risulta essere proprio la persona che necessita di un prestito finanziario sia per poter sostenere le spese di un corso di laurea triennale, sia per fronteggiarne uno magistrale oppure perché non ha la possibilità di pagare un corso di specializzazione o master.

Gli istituti ottengono dei vantaggi nell’emettere prestiti agli studenti rispetto a prestiti erogati a persone appartenenti ad una fascia di età maggiore. Questo non solo perché hanno possibilità sia di ottenere nuovi clienti sia di stabilire un rapporto che potrebbe diventare duraturo, ma anche perché in alcuni casi sono previste agevolazioni di cui parleremo sotto.

Prestiti per studenti senza reddito

Esiste una categoria di studenti non lavoratori e in tal caso molti pensano di non poter richiedere un presto. Questa concezione è totalmente sbagliata: nonostante sia vero che i prestiti concessi dalle banche e dalle finanziarie richiedono prima una garanzia (che spesso è tradotta nel possesso di buste paghe), tuttavia esistono anche dei prestiti che vengono erogati per persone senza reddito (vedi anche prestiti senza busta paga) e che non possono mostrare una garanzia alla banca.

In molti casi non è neanche necessaria la firma di un genitore che faccia da garante. Esempi di queste soluzioni sono numerosi prestiti erogati da banche quali:

  • il “Prestito Diamogli Futuro” chiamato anche “Diamogli credito 2019”
  • Banca Intesa San Paolo, che offre “PerTe Prestito Con Lode”
  • “Unicredit Ad Honorem” erogato dall’omonima banca
  • “M4U Academy” della Banca Mediolanum

Il primo è un tipo di prestito molto conosciuto e si tratta di un fondo statale che mira a finanziare corsi universitari quali lauree, master e/o dottorati anche se svolti all’estero. Tale prestito può essere ottenuto senza reddito, senza busta paga e senza presentare alcuna garanzia. Le banche che aderiscono a tale tipo di prestito sono circa 25.

Il prestito a fondo perduto

I prestiti a fondo perduto fanno parte della categoria dei prestiti senza garanzia e l’espressione “a fondo perduto” implica l’emissione di un capitale che andrà restituito solo per metà. Infatti una parte della somma che sarà emessa costituirà un “fondo perduto” cioè non andrà restituita. Nel caso degli studenti universitari, i fondi perduti sono stabiliti in seguito ad accordi tra banche e atenei al fine di coprire una buona percentuale delle spese di iscrizione ad un corso di studi o di vitto di uno studente.

Tali prestiti possono essere concessi secondo due modalità: se lo studente risulta essere il titolare di un conto corrente bancario, la cifra può essere inserita direttamente sul conto oppure, nel caso in cui lo studente non ne abbia uno, è possibile immettere un assegno circolare a suo nome. Riguardo i requisiti necessari per ottenere un prestito a fondo perduto, si può dire che di solito la maggior parte dei bandi è aperta a studenti disoccupati oppure inoccupati. Per poter richiedere un prestito del genere, non solo si può cercare attraverso la navigazione in rete uno dei bandi proposti dalla regione, ma sarà anche più opportuno recarsi presso la propria segreteria studenti nella propria Università e chiedere in proposito.

Ai prestiti a fondo perduto si possono affiancare altre agevolazioni come i prestiti a tasso agevolato, con tassi di interesse decisamente convenienti per chi fa richiesta del prestito, oppure incentivi in conto interesse.

Prestiti per studenti universitari all’estero

Esistono diverse possibilità per studenti italiani che vogliono andare all’estero e che a tal fine hanno bisogno di richiedere un prestito finanziario. La maggior parte delle soluzioni sono emesse dal ministero degli Affari Esteri o anche da alcuni stati e organizzazioni straniere. Il fine di questi prestiti è quello di garantire la frequentazione di un corso di studio da svolgersi presso Università straniere oppure presso istituti superiori presenti in altri Stati. Tali somme offrono anche la possibilità di eseguire ricerche presso centri presenti in altre nazioni.

Tra i vari tipi di prestiti per studiare all’estero si possono elencare:

  • le “borse di studio Fulbright
  • i prestiti erogati dall’Inpdap
  • le borse erogate dall’Unesco
  • quelle emesse dal progetto The Italian Student Loan Fund – Fondo per Studenti Italiani

Per le prime è necessario avere già in possesso un titolo universitario come corso di laurea triennale o magistrale, dottorato di ricerca o diploma conseguito presso un’accademia. I prestiti dell’Inpdap invece consistono in borse di studio o anche assegni per la frequenza presso scuole italiane all’estero o scuole estere. Le borse che si possono ottenere dai bandi emanati dall’Unesco sono invece di due tipi: borse ordinarie finanziate dal bilancio ordinario dell’organizzazione e borse straordinarie co-finanziate per progetti e programmi speciali. L’ultimo tipo di prestito è emesso dall’omonimo ente che offre una garanzia economica agli studenti italiani che intendono proseguire i propri studi esclusivamente negli Stati Uniti. È requisito fondamentale la conoscenza della lingua inglese per poter usufruire di tali occasioni.

Prestito d’ onore per studenti

Il “prestito d’onore” per studenti è un tipo di capitale concesso a studenti che hanno bisogno di un finanziamento per proseguire il proprio percorso di studi. Per il fine che presenta, non sembra essere diverso dagli altri tipi di prestito finora descritti. In25 realtà presenta caratteristiche particolari quali, ad esempio, i requisiti. Di solito l’età per poter richiedere i prestiti “ad honorem”, come vengono chiamati con espressione latina, si estende dai 18 ai 35 anni. Un dato fondamentale che si deve disporre per poterne ottenere uno consiste nei requisiti di merito. Con questi s’intende un’ottima votazione ottenuta durante il proprio percorso di studi ed il mantenimento di una media di voti alta durante l’intera carriera universitaria, oppure un voto alto di diploma. La somma erogata consiste in circa 5000 – 6000 euro annui.

Le banche a cui ti puoi rivolgere

Le società finanziarie sono differenti dalle banche. La differenza principale consiste nel fatto che le prime risultano essere istituti di credito che hanno esclusivamente il fine di erogare il prestito e sono specializzate in tale campo. Per questo motivo saranno in grado di realizzare un tipo di prestito agevolato e variabile a seconda della situazione personale di colui che richiede il capitale. Si potrebbe considerare vantaggiosa la scelta di una società finanziaria per uno studente universitario piuttosto che una banca per due motivi: se il capitale per cui si richiede il prestito non consiste in un’elevata somma di denaro, la finanziaria emette la somma in tempi più rapidi rispetto a quelli tipici delle banche. In più i tassi di interesse di solito risultano inferiori. Le finanziaria a cui si può rivolgere uno studente sono: “Agos”, “Cofidis”, “Compass”, “Credipass”, “Directafin spa”, “Equilon Spa”, “Fiditalia” “Figenspa” (per studenti liguri), “Ing Direct”, “Pitagora spa”, “Prestitalia”. Tra queste, proprio la prima è abbastanza conosciuta. Leggi anche: prestiti per lavoratori autonomi e atipici.

Agos

Questa società finanziaria offre la possibilità di richiedere qualsiasi tipo di prestito e lo può ottenere sia chi possiede una busta paga sia chi non la possiede. I documenti per richiedere un preventivo online sono il documento di identità, la tessera sanitaria o codice fiscale, documento di reddito (che consiste nella busta paga oppure in un documento chiamato “Unico” per chi non ce l’ha). Dopo aver richiesto online il preventivo, sarà possibile effettuare (sempre online) la richiesta vera e propria e si potrà successivamente scegliere se recarsi in agenzia per prendere i moduli cartacei oppure se riceverli comodamente online. Spesso molti studenti scelgono proprio la seconda modalità e l’importo che si può richiedere arriva fino a 30000 euro circa. Il numero verde di Agos.

Bnl

La Bnl offre una vasta gamma di prestiti, adatti a persone che si trovano in differenti situazioni e che hanno fasce di età diverse. Particolarmente utile per gli studenti universitari può essere il prestito chiamato “BNL Sconto & Lode” che può essere richiesto da chi ha bisogno di finanziare un master oppure un corso di laurea. Se si prende in considerazione questa scelta, la banca chiederà la garanzia di terzi oppure altri tipi di garanzie quali ad esempio busta paga. Il tasso di interesse varierà in base alla media dei voti universitaria e seguirà una griglia di tassi già prestabilita. La massima somma raggiungibile per il capitale da poter richiedere è un importo di 20000 euro.

UBI

Anche UBI Banca offre numerose iniziative per gli studenti universitari. Infatti collabora al progetto “Diamogli futuro” utilizzabile per gli studenti che abbiano un’età compresa dai 18 ai 40 anni e che risultino già iscritti ad un corso di laurea o corso di specializzazione. Questo regolamento prevede la possibilità di richiedere anche “Prestiti d’onore”. La durata massima dei prestiti sarà di circa 5 anni e le rate sono annuali. L’importo massimo che è possibile richiedere è pari alla cifra di 25000 euro.

Poste Italiane

Anche le poste italiane offrono aiuto per studenti universitarie e grazie al “Prestito BancoPosta” si possono ottenere finanziamenti per un importo minimo di 3000 euro fino ad un massimo di 30000 euro con una durata di rimborso che spazia dai 24 fino agli 84 mesi. Per poter richiedere un preventivo o prendere un appuntamento, è possibile telefonare al numero gratuito 800003322 anche il sabato mattina. In seguito sarà possibile recarsi nell’ufficio postale desiderato portando apposita documentazione: documenti d’identità, tessera sanitaria o codice fiscale, documento di reddito. Per quanto riguarda la modalità di erogazione, ne esistono tre: l’accredito sulla Postepay Evolution, l’accredito sul Libretto risparmio postale o direttamente in contanti fino ad un importo di 10000 euro.

UniCredit

Questa banca offre due tipi di prestiti diversi per gli universitari che intendono frequentare un corso di laurea oppure per quelli che seguono un master. Nel primo caso si può richiedere un prestito chiamato “UniCredit Ad Honorem” per un importo massimo di 27000 euro e un periodo variabile, a seconda della durata del proprio corso di studi. Questo tipo di prestito prevede anche un “periodo di grazia” cioè un periodo di due anni in cui non ci sarà bisogno di iniziare alcun rimborso. Dopo il periodo di pausa, si dovrà iniziare a ripagare la banca. Il periodo di rimborso invece può spaziare da 12 mesi fino ad un massimo di 180 mesi.

Per chi sceglie invece di richiedere un prestito per frequentare un master, si dovrà rivolgere a “CreditExpress Master” che prevede un importo dai 2000 ai 15000 euro. Il periodo di rimborso varia dai 18 ai 96 mesi.

UniCredit collabora con diversi atenei, tra cui: atenei Piemontesi COREP, MIP Politecnico di Milano, Università di Bologna, Università Bocconi di Milano, Università Luiss di Roma.

Intesa San Paolo

Anche la Banca Intesa San Paolo offre diverse soluzioni per i prestiti per studenti universitari. “Per Te Prestito Con Lode” è particolarmente vantaggioso perché prevede un capitale erogabile massimo di 50000 euro rimborsabile in 30 anni ed utilizzabile per 5 anni. Il tipo di prestito prevede delle agevolazioni per gli studenti che presenteranno una votazione media universitaria particolarmente elevata. Un’altra possibilità consiste anche in “Per Te Prestito Giovani” che prevede una somma minima di 10000 euro (fino ad un massimo di 30000 euro) pagabile con rate da 144 euro al mese.

Alternative: ricerca di prestiti online

Quando si ha bisogno di un prestito personale si va alla ricerca della migliore soluzione: tramite la ricerca di un prestito sul web, su internet è possibile trovare offerte di finanziamento decisamente vantaggiose rispetto a quelle di Banche e Istituti di Credito, questo è possibile grazie a società che lavorano esclusivamente in rete e fanno in modo di offrire prestiti a condizioni favorevoli.

In questi casi tuttavia, trattandosi di prestiti generici e non specifici per studenti, se lo studente non ha entrate, può chiedere l’aiuto di un garante che funga da fideiussore e prenda il posto dello studente, in caso di insolvenza, pagando in prima persona tutte le rate non pagate.

Che si tratta di prestiti per studenti o prestiti di altro genere, il consiglio è sempre quello di documentarsi il più possibile, di verificare le varie offerte, le condizioni e tutto ciò che può servire a determinare la scelta di un prestito vantaggioso, senza dimenticare che è anche possibile richiedere un prestito online, grazie alla presenza di Istituti di Credito che operano esclusivamente sul web e che sono più propensi a concedere finanziamenti e a fare offerte con tassi di interesse nettamente più convenienti rispetto alle Banche.