Prestiti online: cosa sono, come richiderli

0
1037

Oggi è possibile richiedere prestiti online, utilizzando i siti dei vari istituti di credito che operano in Italia.
Il prestito è sostanzialmente una cessione temporanea di una somma di denaro, più o meno ingente, che deve essere restituita rispettando alcuni parametri generalmente fissi e comunque molto rigidi e ben delineati.
Il fatto di richiedere questo servizio online è semplicemente una miglioria per un servizio già disponibile presso le filiali di banche e finanziarie.

Le motivazioni per richiedere un prestito sono varie; farlo online permette di avere un contatto immediato con l’istituto di credito, senza dover attendere i tempi tecnici dello sportello. Alcune banche infatti sono aperte solo al mattino, le finanziarie invece non hanno sportelli in tutte le città italiane.
Fare una richiesta di finanziamento utilizzando un sito internet consente di velocizzare la richiesta, di farla come e quando si vuole, di ottenere più rapidamente una risposta.
Inoltre in rete sono disponibili anche siti di comparazione, che permettono di confrontare tra loro le diverse offerte di prestito, avendo chiari sin dall’inizio pregi e difetti di ogni singola proposta.

A chi chiedere i prestiti online

I migliori prestiti online oggi sono disponibili presso diverse tipologie di istituti di credito. I più noti sono le banche. Chi possiede un conto corrente spesso ricorre proprio alla banca dove l’ha aperto per ottenere una linea di credito, il cosiddetto fido bancario, oppure un vero e proprio prestito.
Sono presenti, online ma anche sul territorio, anche varie finanziarie, ossia non delle vere e proprie banche quando piuttosto società che si occupano principalmente di credito al consumo.
Possono concedere prestiti anche alcuni enti che fanno da intermediari su prestiti online tra privati cittadini. In questo caso il credito proviene da singoli cittadini italiani che desiderano offrire in prestito parte del capitela posseduto, ottenendo da questo una certa quota di interessi.

Gli intermediari dei prestiti online sono quindi vari, con offerte spesso simili tra di loro. Ciò che cambia essenzialmente sono le condizioni del prestito, ossia l’interesse richiesto, il numero delle rate, la presenza di eventuali spese.

Anche alcuni Enti si configurano come fornitori di credito al consumo, come ad esempio fa l’INPS per i lavoratori pubblici e i pensionati italiani.

Capire quale sia l’offerta migliore non è semplice in mezzo a questa giungla. Però è possibile fare confronti online sfruttando siti specializzati in questo settore, come ad esempio: iprestitionlineok.com

Prestiti online

Come si ottengono prestiti online

I prestiti oltre che essere, per così dire, contratti fisicamente presso una banca o un’agenzia di una finanziaria, possono essere richiesti anche on line tramite il web.

Per poter ottenere prestiti online veloci la prima cosa da fare e collegarsi ad internet e fare una ricerca sul browser per quanto riguarda questo tipo di prodotto.
Comparirà una schermata con una serie di soluzioni, le più interessanti sono probabilmente quelle dove è possibile confrontare e comparare una serie di prestiti proposti da diverse finanziarie o banche in grado di erogarli.

Generalmente per ottenere un’offerta chiara e precisa per quanto riguarda interessi, spese e condizioni di un prestito online è necessario inserire alcuni dati in un modulo online. Questo avviene sia sui siti di comparazione, sia sulle pagine dei siti delle banche e delle finanziarie. Fare un’offerta precisa per un prestito è infatti un’attività per la quale è importante avere alcuni elementi di base quali ad esempio:

  • l’età del richiedente.
  • Il numero di rate per la restituzione (o la durata in anni del periodo di ammortamento).
  • La cifra richiesta.
  • La professione del richiedente il prestito.
  • L’eventuale presenza di un altro finanziamento in atto.

Tutti questi elementi servono alla finanziaria per calcolare il peso della singola rata, ma anche il rischio cui va incontro nel momento in cui concede il finanziamento al singolo cliente.

Come trovare i prestiti online migliori

Quando si richiede un prestito, online o fisicamente allo sportello, si ottengono delle offerte che riguardano la cifra massima ottenibile, ma anche gli interessi da applicare al capitale richiesto, che si dovranno poi saldare nel corso dei mesi.
Ovviamente minori sono gli interessi, minore sarà la cifra da restituire alla banca. In linea di massime le offerte degli istituti di credito presenti in Italia sono simili tra loro, anche se a volte variano di una percentuale sensibile.
Solitamente gli interessi su un prestito personale, quindi non un mutuo o altro tipo di finanziamento, sono fissi per tutta la durata del periodo di ammortamento.
Trovare l’istituto di credito che ci garantisce gli interessi più bassi consente di “pagare il prestito” la cifra minore possibile.
Questo per molti è il principale criterio di scelta per quanto riguarda i migliori prestiti online.

Verificare le condizioni dei prestiti

Ci sono però anche altri elementi da considerare per la scelta, che non riguardano espressamente gli interessi.
Tra le spese per il prestito ci sono anche altre voci, come ad esempio le spese per l’istruttoria da saldare all’inizio del finanziamento. Sono da considerare spese accessorie anche quelle per l’invio di estratti conto o anche per il pagamento richieste dall’istituto di credito ad ogni rata.

A conti fatti tutte queste spese possono avere un peso importante. Lo si comprende meglio considerando il tasso di interesse annuo effettivo globale, o TAEG, che tiene conto non solo del tasso annuo nominale, chiamato TAN, ma anche di tutte le spese cosiddette accessorie.
Il prestito con il minor TAEG è quello realmente con le migliori condizioni economiche.

Oltre a questo si deve sempre considerare che le banche propongono alcuni servizi, che per il cliente a volte sono essenziali.
Ci sono istituti di credito che lasciano ai propri clienti la possibilità di non pagare una rata ogni 12 o 24, prolungando di fatto il periodo di ammortamento. Alcune banche garantiscono uno sconto su ogni rata se pagata tramite il conto corrente sul medesimo istituto.
Un’offerta interessante può essere anche la possibilità di modificare l’ammontare e il numero delle rate per così dire “in corsa”, cambiando in modo sostanziale tutte le condizioni del mutuo senza alcuna spesa, a volte addirittura online, quindi senza richieste o attese di alcun genere.

Per chi deve richiedere un mutuo tutti gli elementi sono da considerare, soprattutto nel caso in cui il periodo di restituzione si prolunghi di molto nel tempo, poniamo ad esmepio per 7 o 10 anni.

Documentazione utile e necessaria

Per richiedere un prestito, le banche e anche le finanziarie richiedono una documentazione specifica.
In genere è necessario presentare quella personale relativa all’identità del richiedente, il codice fiscale, una busta paga, generalmente l’ultima emessa ed il cud che rappresenta la sintesi di tutte le entrate economiche relative all’anno precedente.
Alcune finanziarie tra le altre cose, concedono prestiti di piccola entità, anche a quelle persone protestate o che comunque hanno riscontrato problemi di natura economica con altri enti.
Questo non è certamente il miglior biglietto da visita per chi chiede un prestito, ma in alcuni casi è possibile ottenerlo comunque.
In ogni caso è bene comprendere che le condizioni del prestito, come ad esempio l’entità degli interessi, dipendono strettamente dalla situazione creditizia del singolo cliente. Più il prestito è a rischia per l’istituto di credito e maggiori saranno gli interessi.

Solitamente quando si richiedono prestito online tutta la documentazione richiesta può essere inviata tramite la rete. Sarà quindi necessario possederla in versione digitale, oppure farne una scansione.
In alcuni casi le banche sono organizzate anche per consentire la firma elettronica del contratto di prestito. Altrimenti si dovrà stampare il contratto, firmarlo e inviarlo via posta all’istituto di credito.
Ci sono situazioni in cui pur effettuando la richiesta del prestito online, l’istituto di credito richiede al cliente di presentarsi fisicamente ad uno sportello per perfezionare l’erogazione del finanziamento.

prestito d'onore

Prestiti senza busta paga

Come abbiamo visto, l’attestazione dei redditi è per chi richiede dei soldi in prestito un elemento essenziale, senza il quale non è facile ottenere un finanziamento di qualsiasi genere.
In effetti però sono molte le persone che non possiedono una busta paga fissa; questo perché hanno un lavoro autonomo, o svolgono attività atipiche, per le quali percepiscono rimborsi o emolumenti variabili nel corso dell’anno.
I lavoratori autonomi che intendono richiedere prestiti online dovranno consegnare alla banca una copia della dichiarazione dei redditi dell’anno precedente.
Per i lavoratori atipici può valere lo stesso documento, spesso però gli istituti di credito richiedono la presenza di un garante.
Si tratta di un soggetto che si impegna a saldare le rate nel momento in cui il debitore intestatario del prestito fosse impossibilitato a farlo, per qualsiasi motivo.

Si possono utilizzare come attestazione di reddito anche altri documenti; ad esempio la percezione di uno o più affitti mensili, oppure una rendita finanziaria che ogni anno consente di ottenere una certa quota di interessi.
L’importante è che quanto si percepisce annualmente abbia una certa correlazione con la cifra da saldare con le rate.
Chi richiede il prestito dovrà avere entrate che siano superiori alle rate, questo sia nel caso di lavoratori autonomi o atipici, sia nel caso di coloro che possono presentare una busta paga o una pensione fissa mensile.