Mutui e prestiti: una fotografia del 2019 sulle condizioni degli italiani

0
28

Ottenere mutui e prestiti in Italia è sempre più facile.
Su un’indagine operata su quarantamila richieste di finanziamento è emerso come i tassi proposti dagli istituti finanziari siano stati estremamente più bassi rispetto a quelli del 2018.

In questo periodo, difatti, risulta molto conveniente richiedere un mutuo o, se lo si possiede già, chiedere una surroga. Risulta infatti che le banche offrano al momento mutui per l’acquisto di beni mobili pari al 100% del valore di costo, senza fare richiesta ai fondi casa e con un aumento molto interessante delle richieste di surroga che, stando al campione analizzato, siano addirittura triplicate.

Accedere ad un mutuo, oggi, presenta i migliori tassi

In questo momento storico è diventato quindi facile e conveniente avere un prestito dalla banca, come accedere ad un mutuo BNL. Al momento la diminuzione dell’IRS, l’indice europeo che segue l’andamento dei finanziamenti come i mutui, è diminuito e i tassi di settembre e ottobre per un mutuo medio hanno subito un calo dallo 0,55% all’1,20%.  Per i consumatori questo significa un risparmio che arriva a toccare fino a sessanta euro al mese. Per questo il periodo si rivela uno dei migliori in materia, come accedere ad un mutuo BNL.

Nel mese di settembre e in quello di ottobre si sono verificati picchi di richieste di surroghe il cui numero totale non raggiungeva tali livelli dal 2015. La decrescita dei tassi di interesse è stato il principale motore che ha catalizzato e aumentato la domanda di finanziamenti e questo si è verificato per mutuatari in cerca di banche più vantaggiose e per persone in cerca di un mutuo convincente per l’acquisto della casa. Questo aumento va di pari passo con la crescita del mercato della casa che ha visto anch’esso crescite esponenziali degne di nota.

Tasso fisso per l’acquisto della casa

Quanto alle scelte dei mutui, gli italiani hanno dimostrato una netta preferenza per quelli a tasso fisso dove il campione intervistato ha manifestato di prediligerlo quasi il 90% delle volte in più. Anche l’analisi sugli importi richiesti è stata interessante per comprendere la situazione finanziaria degli italiani e le ragioni di scelta e di consumo rispetto ai propri risparmi e alle proprie aspirazioni di investimento. L’importo medio richiesto nell’ultimo periodo, risalente a questo autunno, si è aggirato sui 140 mila euro. Si tratta di un valore lievemente inferiore rispetto a questa estate in cui la differenza è stata dell’1,3%.

A tale proposito è diminuito anche il valore di “Loan To Value”, ovvero il rapporto tra il valore dell’immobile per cui è stato richiesto il mutuo e il valore del mutuo richiesto. Questo valore è passato dal 67% al 63% in soli tre mesi e la durata media di ammortamento si aggira sui ventuno anni. Altro dato interessante è l’età media dei richiedenti che si attesta sui quarantuno anni.

La riflessione che ne consegue è che i mutui di oggi sono caratterizzati da una maggiore disponibilità da parte degli istituti di credito che hanno progressivamente reso più accessibili e convenienti i tassi di interesse che si aggirano intorno al 2,5%. Si tratta quindi di un periodo molto conveniente per chi desidera acquistare casa e fare un investimento vantaggioso per il futuro su un mercato che a lungo è stato considerato in forte crisi.