Unipol si dà al turismo

0
618

Al di là del momento contingente, con la crisi greca e la bolla cinese che stanno affaticando anche i titoli bancari e assicurativi nel nostro Paese, alcune recenti mosse del Gruppo Unipol potrebbero risultare particolarmente interessanti per gli investitori.

Premiato dalla Borsa per la buona performance conseguita nel primo trimestre (ma il settore RCA è in affanno) e dai risparmiatori per gli ottimi servizi bancari, specie il conto corrente online (che dispone di una funzionale area di trading, tra le migliori in circolazione, attivabile anche su smartphone e tablet), il Gruppo Unipol sta investendo molto in ambito immobiliare, comparto destinato a crescere nel prossimo futuro in Italia, soprattutto sul versante alberghiero.

La partita con il Comune di Firenze per l’area dove sorgerà il nuovo stadio della Fiorentina è ancora tutta da giocare, ma è lecito immaginare che l’azienda bolognese trarrà vantaggio da questa lunga trattativa. Stando ad alcuni rumors, Unipol vorrebbe disporre di una porzione di questa zona, di sua proprietà per altro, per la costruzione di alcuni alberghi. Il Comune di Firenze, però, vorrebbe permettere anche ad altri player di poter sfruttare l’area per edificare strutture ricettive, avviando una competizione che non trova il gradimento dei dirigenti di via Stalingrado 37.

In attesa di sviluppi, tuttavia, Unipol ha messo mano al comparto degli alberghi già di sua proprietà. Il riassetto di questo patrimonio immobiliare, che conta 50 strutture, 8.600 camere e un giro d’affari aggregato del valore superiore ai 170 milioni di euro, ha portato alla formazione del polo AtaHotels-Una. Una mossa strategica che fornisce al Gruppo Unipol una posizione di rilievo nell’ambito dell’offerta alberghiera nazionale. Offerta che, non sembra un segreto, a Bologna desiderano implementare con strutture poste in prossimità del futuro nuovo stadio della Fiorentina. Il turismo sportivo, è noto ai più, è un business estremamente profittevole, senza contare che la zona di Castello dista pochissimi chilometri dal centro di Firenze, una delle mete più ambite da parte dei turisti di tutto il globo. Unipol potrebbe ricevere una grossa mano in quest’operazione di crescita da parte del Fondo Strategico Italiano, disposto a investire ingenti capitali nel nuovo polo AtaHotels-Una.

Unipol, già leader in ambito assicurativo e attivissima in quello bancario, potrebbe rivestire un ruolo di primo piano anche in quello alberghiero.