Lotteria degli scontrini: al via da gennaio 2021

La lotteria degli scontrini è un’iniziativa voluta dal Governo italiano, per favorire l’emissione di scontrini fiscali da parte dei commercianti. Il meccanismo è abbastanza semplice: per ogni scontrino emesso il cliente può richiedere di partecipare alla lotteria, indicando l’apposito codice. Tale codice può essere richiesto a partire da dicembre 2020, anche se la lotteria in effetti sarà disponibile a partire dal 1° gennaio 2020.

Cos’è la lotteria degli scontrini

Si tratta di un sistema a premi gestito dallo Stato. L’idea nasce nel 2017, quale incentivo all’emissione di scontrini fiscali da parte dei commercianti in genere. Grazie alla presenza di una lotteria è plausibile che siano i clienti a richiedere l’emissione dello scontrino, senza il quale non ci saranno neppure le quote per la partecipazione alla lotteria stessa.
Il funzionamento è basilare: nel momento in cui il commerciante sta per battere lo scontrino, il cliente può mostrare il proprio codice, per prendere parte alla lotteria. In sostanza nel momento in cui si emette lo scontrino si creano anche dei buoni, che consentono di partecipare alle estrazioni periodiche di denaro.
Per fare in modo che la lotteria favorisca chi usa metodi di pagamento elettronico, sono previste estrazioni aggiuntive per i pagamenti effettuati con carte di credito, di debito o con app per i pagamenti.

lotteria degli scontrini

Il codice per la Lotteria degli Scontrini

Chi desidera partecipare alla lotteria degli scontrini deve munirsi di apposito codice. Tale codice si può richiedere direttamente sul sito attivato dall’Agenzia delle entrate.
https://www.lotteriadegliscontrini.gov.it/portale/
Accedendo a questa pagina si trova una chiara spiegazione del funzionamento della lotteria. Oltre a questo si può ottenere il codice, inserendo il proprio codice fiscale. Il codice può essere poi inviato al proprio cellulare, oppure stampato, in modo da poterlo conservare per un utilizzo futuro.
Si consiglia di conservare il codice in modo da non perderlo; è bene notare che ad ogni inserimento del proprio codice fiscale si ottiene un nuovo codice, meglio quindi evitare di ripetere più volte l’operazione.

Come funziona la lotteria

In pratica ogni volta che si effettua una spesa, indicando l’intenzione di partecipare alla lotteria, il commerciante emette insieme allo scontrino un certo numero di biglietti virtuali. Il numero di biglietti emesso per ogni scontrino è pari al numero di euro spesi. Quindi maggiore è la spesa e maggiore è il numero di biglietti ottenuti per la partecipazione alla lotteria. Il numero massimo di biglietti emessi per ogni spesa è pari a 1.000; non vi è però un limite al numero di spese effettuate in un giorno, in una settimana o in un mese per la partecipazione alla lotteria degli scontrini. Per le spese inferiori a 1 euro vale il principio dell’approssimazione per difetto; quindi ogni spesa superiore ai 49 centesimi dà diritto ad un biglietto virtuale.

Partecipano alla lotteria tutti i residenti maggiorenni, fatta eccezione per le spese effettuate durante l’esercizio d’impresa. Inoltre non danno diritto all’emissione di biglietti virtuali gli acquisti per i quali si mostra il proprio codice fiscale, ai fini degli sgravi fiscali. Fondamentale è comunque mostrare all’esercente il proprio codice personale. Inoltre il registratore di cassa deve essere stato aggiornato dal commerciante. Visto che l’obbligo all’aggiornamento di tale strumento è slittato al 1° aprile 2021, è plausibile che alcuni negozianti non siano ancora in grado di offrire i biglietti virtuali per la lotteria.

I premi della lotteria degli scontrini

Per fare in modo che i cittadini siano stimolati a richiedere lo scontrino quando effettuano una spesa è importante che il premio ottenibile sia di una certa entità.
Per quanto riguarda i premi ordinari, quelli che sono estratti tra tutti i consumatori che hanno preso parte alla lotteria, stiamo parlando di:

  • Sette premi da 5.000 euro, estratti tra i biglietti emessi nella settimana.
  • Tre premi da 30.000 euro, estratti tra i biglietti del singolo mese.
  • Un singolo premio da 1.000.000 di euro annuale.

Oltre a questi saranno in palio dei premi rivolti esclusivamente a coloro che effettuano il pagamento con metodi elettronici. Tali premi coinvolgono il cittadino e anche il commerciante che ha emesso lo scontrino; si tratta di:

  • Quindici premi da 25.000 euro a settimana; più 15 premi da 5.000 euro per l’esercente.
  • Dieci premi da 100.000 euro al mese; più 10 premi da 20.000 euro per l’esercente.
  • Un premio da 5.000.000 di euro all’anno; più 1 premio da 1.000.000 di euro per l’esercente.

Altre lotterie degli scontrini

Come abbiamo visto, nel nostro Paese si parla di lotteria degli scontrini dal 2017. Solo nel 2021 sembra che in effetti si riuscirà a realizzare questa strana lotteria, che invita i cittadini a richiedere lo scontrino fiscale per ogni acquisto effettuato.
In realtà tale espediente è già stato utilizzato in altri Paesi, si tratta quindi di un meccanismo già collaudato, non di un’idea nata dal nulla.
A Malta esiste una cosa simile dal 1977; tale lotteria oggi prevede un’estrazione mensile che offre un premio pari a 100 volte quanto speso nel singolo scontrino.
In Portogallo la “fatura da sorte” è nata nel 2014; inizialmente offriva in palio automobili di lusso. Nella versione oggi attiva invece i premi sono pari a 35.000 euro in buoni del tesoro, messi in palio ogni settimana.
Sia a Malta, sia in Portogallo, la lotteria degli scontrini ha permesso di raggiungere tetti massimi nell’emissione degli scontrini. Si tratta quindi di interessanti iniziative, simili a quella italiana, che hanno permesso di far emergere importanti quote di ricavi sommersi.